Contribuenti minimi e forfettari - Loretta Giro

Tel. 0345/23673
Consulente del lavoro
Iscritta all'Ordine dei Consulenti de Lavoro di Bergamo al n. 529
Vai ai contenuti

Contribuenti minimi e forfettari

News Fiscali
OGGETTO: CONTRIBUENTI MINIMI/FORFETARI E LE OPERAZIONI CON I PAESI DELL'UNIONE EUROPEA: entrambi soggetti IVA.

Particolare attenzione devono porre i contribuenti minimi e forfetari che acquistano, cedono beni, ricevono o rendono servizi  nell'ambito degli Stati membri dell'Unione Europea.
Atteso che entrambi i regimi, sono caratterizzati dalla non applicazione dell'Iva alle cessioni  di beni ed alle prestazioni di servizi rese, nonché dal divieto di detrarre l'iva sugli acquisti, per quanto riguarda le operazioni effettuate con soggetti non residenti (UE), la disciplina IVA applicabile alle operazioni IntraUE, discosta dalla regola generale.

CONTRIBUENTE FORFETARIO:

ACQUISTO DI BENI: (Art. 38 c. 5 lett. c DL 331/93)) :
a) non costituiscono acquisti di beni IntraUE se importo non superiore ad € 10.000;
 nessun  adempimento.
b) sono acquisti di beni IntraUE se importo superiore a € 10.000:
- ADEMPIMENTI:
a) Iscrizione VIES
b) integrazione fattura estera e versare IVA entro il 16 dele mese o trimestre successivo in quanto
   applicato "REVERSE CHARGE" (inversione contabile, Iva applicata nel paese di destinazione,
   in questo     caso  in Italia)
c) versamento IVA entro il 16 del mese o trimestre successivo
d) presentazione modello INTRASTAT-2 bis

CESSIONE DI BENI: (Art. 41 c. 2-bis DL 331/93)
a) non costituiscono cessioni IntraUE: nessun adempimento
b) sulla fattura va riportata l'annotazione "Non costituisce cessione intracomunitaria ai sensi dell'art. 41,    
 comma 2-bis D.L. 331/93.

SERVIZI RICEVUTI (Art. 7-ter DPR 633/72) N.B.: ad esempio acquisto ANTIVIRUS!
a) iscrizione preventiva VIES
b) integrare la fattura estera e versare IVA entro il 16 del mese o trimestre successivo in
 quanto applicato "REVERSE CHARGE" (inversione contabile, Iva applicata nel paese di
 destinazione, in questo caso, in Italia);
c) presentare il modello INTRASTAT-2 quater

SERVIZI RESI (Art. 7-ter DPR 633/72)
a) iscrizione preventiva VIES
b) verificare l'iscrizione al VIES del Cliente UE
c) emettere fattura senza addebitare IVA riportando la dicitura "REVERSE CHARGE"
 (inversione contabile, Iva applicata nel paese di destinazione)
d) presentare il modello INTRASTAT-1 quater


CONTRIBUENTE REGIME DEI MINIMI


ACQUISTO DI BENI: (Art. 1 coma 100 Legge finanziaria 2008)
a) gli acquisti effettuati dal contribuente minimo, sono considerati acquisti Intra-UE
 qualunque sia la soglia, diversamente da quanto previsto per i FORFETARI (10 mila euro);
b) preventiva iscrizione al VIES
c) integrazione fattura estera e versare IVA, entro il 16 del mese/trimestre successivo a
 quello in cui è avvenuta l'operazione.
d) presentazione modello INTRASTAT-2bis

CESSIONE DI BENI:
a) non costituiscono cessioni IntraUE: nessun adempimento
b) sulla fattura va riportata l'annotazione "Non costituisce cessione intracomunitaria ai sensi dell'art. 41,    
 comma 2-bis D.L. 331/93.

SERVIZI RICEVUTI (Art. 7-ter DPR 633/72) N.B.: ad esempio acquisto ANTIVIRUS!
a) iscrizione preventiva VIES
b) integrare la fattura estera e versare IVA entro il 16 del mese o trimestre successivo in
 quanto applicato "REVERSE CHARGE" (inversione contabile, iva applicata nel paese di
 destinazione, in questo caso, l'Italia);
c) presentazione modello INTRASTAT-2 quater

SERVIZI RESI (Art. 7-ter DPR 633/72)
a) iscrizione preventiva VIES
b) emettere fattura senza addebitare IVA riportando la dicitura "REVERSE CHARGE"
 (inversione contabile, Iva applicata nel paese di destinazione)
c) presentare il modello INTRASTAT-1 quater
A seguito di tutto ciò che è stato esposto , invito  i Signori Clienti a far pervenire allo Studio con cortese sollecitudine, i documenti relativi a rapporti intrattenuti con Operatori degli Stati membri dell'UE.
Sanzioni pesanti sono applicabili in caso di mancato rispetto degli adempimenti da compiere nei termini di Legge.

Lo Studio è a disposizione per approfondimenti.

Rag. Loretta Giro

Torna ai contenuti