Legge di Bilancio 2018 - Loretta Giro

Tel. 0345/23673
Consulente del lavoro
Iscritta all'Ordine dei Consulenti de Lavoro di Bergamo al n. 529
Vai ai contenuti

Legge di Bilancio 2018

Articoli news
Gentili Clienti,
vi aggiorno in breve sulle novità di maggior interesse introdotte dalla  Legge n. 205 del 27 dicembre 2017, la cosiddetta LEGGE DI BILANCIO 2018 in vigore dal 1^ gennaio2018.

ABBONAMENTO TRASPORTO PUBBLICO –  Comma 28

- Nuova lettera i-decies comma 1, art. 15 TUIR 917/86:
Detrazione del 19% sulle spese sostenute, anche nell’interesse di soggetti a carico, per l’acquisto di abbinamenti ai servi zi di trasporto pubblico locale/regionale/interregionale per un importo massimo di euro 250,00: dal 1^ gennaio 2018 (dichiarazione redditi 2019)

- Nuova lettera d-bis comma 2, art. 51 TUIR 917/86:
Non concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente le somme erogate o rimborsate dal Datore di Lavoro (o dallo stesso direttamente sostenute), alla generalità o categoria di dipendenti e dei suoi familiari, inerenti  l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale/regionale/interregionale .
N.B.: I titoli di viaggio devono essere nominativi.

CREDITO D’IMPOSTA PER LE SPESE DI FORMAZIONE – Commi  da 46 a 56
E’ riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 40% del costo aziendale del personale occupato in attività di formazione nei campi delle conoscenze delle tecnologie informatiche previste dal piano nazionale impresa 4.0 ….omissis……
Non sono ammesse al credito d’imposta le spese per le attività di formazione ordinaria o periodica ì, ad esempio:  corsi antincendio, pronto soccorso ed ogni altra formazione obbligatoria per legge.
Maggior approfondimenti , personalizzati,  su specifica richiesta del Cliente.

INCENTIVO STRUTTURALE ALL’OCCUPAZIONE GIOVANILE STABILE – Commi da 100 a 115
Previsto un nuovo incentivo all’occupazione per un periodo massimo di 36 mesi, per le Aziende che assumono a partire dal
01 gennaio 2018, con contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, soggetti con età inferiore a 30 anni che non siano mai stati occupati a tempo indeterminati con i medesimo Datore di lavoro o con altri Datori di Lavoro.
Limitatamente alle assunzioni effettuate nel 2018, si possono assumere lavoratori che non abbiano compiuto i 35 anni di età, fermo restando le condizioni sopra citate.
L’incentivo è il seguente:
- Esonero dal versamento del 50% dei contributi previdenziali  (No Inail) a carico del Datore di Lavoro;
- Periodo massimo di 36 mesi:
- Limite annuo di 3.000 euro, riparametrati su base mensile.

Nb:  La norma, tuttavia, così come scritta, presenta parecchi  punti poco chiari che necessitano di chiarimenti da parte del Ministero.

Non è quindi il caso di dilungarsi oltre, poiché ogni caso verrà discusso ed approfondito secondo la necessità di ogni singolo Cliente.

PREMIO NASCITE (c.d. bonus bebè) – Commi 248 e 249
Esteso anche ai figli nati o adottati dal 1^ Gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, l’assegno di euro 960,00 euro annui  previsto dalla Legge 190/2014.
- L’importo è erogato direttamente dell’INPS in  quote mensili a decorrere dal mese di nascita o adozione, previa domanda dell’interessato.
- Non concorre alla formazione del reddito
- È corrisposto esclusivamente fino al compimento del primo anno di età ovvero del primo anno di ingresso nel nucleo familiare a seguito di adozione.
P.S.: L’importo dell’erogazione è subordinata ai parametri reddituali rilevati dall’attestazione ISEE.


NUOVO LIMITE DI REDDITO PER I FIGLI A CARICO – Commi 252 e 253
E’ stato aggiunto un breve periodo alla fine del comma 2  dell’Art. 12 del TUIR 917/86: “Per i figli di età non superiore a 24 anni, il limite di reddito complessivo per essere considerati a carico, è elevato a 4.000 euro”.
Da quando? …. Dal 1^ gennaio 2019!
Notizia data per dovere di cronaca….fa un po’sorridere.
P.S.: Resta invariato il resto: cioè le detrazioni spettanti per essere considerati  a carico, spettano qualora il reddito del percipiente non superi la soglia di euro 2.840,51

PAGAMENTO DELLE RETRIBUZIONI – Commi da 910 a 914

A decorrere dal  1^ Luglio 2018, i Datori di Lavoro o Committenti, sono tenuti a corrispondere le retribuzioni/compensi ai lavoratori mediante:
- Bonifico bancario;
- Strumenti di pagamento elettronico;
- Pagamenti in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;
- Assegno consegnato direttamente al lavoratore o ad un suo delegato in caso di impedimento. Il delegato può essere il coniuge, il convivente o un suo familiare in  linea retta collaterale del lavoratore, di età non inferiore a 16 anni.
Pertanto, da tale data, i Datori di Lavoro, non possono più corrispondere la retribuzione ai lavoratori per mezzo di denaro contante, indipendentemente dalla tipologia del rapporto di lavoro instaurato tra le parti!
Sono esclusi da questa disposizione i rapporti di lavoro:
- costituiti con le pubbliche amministrazioni;
- domestico
I trasgressori saranno puniti con una  sanzione amministrativa  da 1.000 a 5.000 euro, per ogni  lavoratore pagato in contanti

SOSPENSIONE F24 CON COMPENSAZIONI A RISCHIO – Comma 990
Non sarà possibile procedere alla compensazione dei debiti correnti/pregressi,  procedendo alla compensazione con i crediti sorti nel periodo o scaturiti da dichiarazioni, in presenza di debiti iscritti a ruolo e non pagati.
L’Agenzia delle Entrate con successivo provvedimento, stabilirà  criteri e modalità di attuazione della presente disposizione.

PROROGA TENUTA DEL LUL PRESSO IL MINISTERO E DMAG IN UNIEMENS - Comma 1154
Prorogati a gennaio 2019:
- tenuta telematica del libro unico del lavoro presso il Ministero del lavoro
- invio mensile tramite Uniemens dei dati del DMAG (denuncia lavoratori agricoli)

P.s.: questo è lo scenario alla data odierna. Tuttavia, essendo in piena fase di  campagna elettorale,
tutto può succedere nel prossimo futuro……..
Lo Studio è a disposizione per approfondimenti e chiarimenti.

Rag. Loretta Giro
Torna ai contenuti